Infezione da SARS-CoV-2, positività anticorpale e tassi di sieroconversione nel personale e negli studenti dopo la piena riapertura delle scuole secondarie in Inghilterra: uno studio di coorte prospettico, settembre-dicembre 2020

Contesto: i bambini più grandi hanno tassi di infezione da SARS-CoV-2 più alti rispetto ai bambini più piccoli. Abbiamo studiato l’infezione da SARS-CoV-2, la sieroprevalenza e i tassi di sieroconversione nel personale e negli studenti a seguito della piena riapertura di tutte le scuole secondarie in Inghilterra.
Metodi: Public Health England (PHE) ha invitato le scuole secondarie in sei regioni (East e West London, Hertfordshire, Derbyshire, Manchester e Birmingham) a partecipare a SARS-CoV-2 sorveglianza durante l’a.a. 2020/21. I partecipanti hanno avuto tamponi nasali per RT-PCR e campioni di sangue per gli anticorpi SARS-CoV-2 all’inizio (settembre 2020) e alla fine (dicembre 2020) del periodo autunnale. La regressione logistica multivariata è stata utilizzata per valutare i fattori di rischio indipendenti per la sieropositività e la sieroconversione.
Risultati: Diciotto scuole in sei regioni hanno arruolato 2.209 partecipanti, di cui 1.189 (53,8%) studenti e 1.020 (46,2%) personale. I tassi di infezione da SARS-CoV-2 non erano significativamente differenti tra studenti e personale nel primo round (5/948; [ 0,53% ] rispetto a 2/876 [ 0,23%] = 0,46) o secondo round (10/948 [ 1,05%] contro 7/886 [ 0,79%] = 0,63) e simile alla prevalenza nazionale. Nessuno dei quattro e 7/15 (47%) ceppi sequenziati nei round 1 e 2 era la variante SARS-CoV-2 B.1.1.7 altamente trasmissibile. Nel round 1, la sieropositività anticorpale era più alta negli studenti rispetto al personale (114/893 [12,8%] vs. 79/861 [9,2%]; = 0,016), ma simile nel round 2 (117 / 893 [13,1%] vs.117 / 872 [13,3%]; = 0,85), paragonabile alla sieroprevalenza della comunità locale. Tra i due turni, l’8,7% (57/652) del personale e il 6,6% (36/549) degli studenti si sono sieroconvertiti ( p = 0,16).
Interpretazione: nelle scuole secondarie, i tassi di infezione da SARS-CoV-2, sieropositività e sieroconversione erano simili nel personale e negli studenti e paragonabili ai tassi della comunità locale. La sorveglianza continua sarà importante per monitorare l’impatto delle nuove varianti nei contesti educativi.

Identificazione delle soglie di sicurezza per i farmaci immunosoppressori: applicazione delle informazioni ricavate dalle carenze anticorpali primarie per mitigare gli eventi avversi nelle carenze anticorpali secondarie utilizzando modelli matematici di dati preclinici e clinici precoci

I farmaci immunosoppressori possono alleviare i sintomi debilitanti delle malattie autoimmuni, ma, per lo stesso motivo, un’eccessiva soppressione immunitaria può comportare un aumento del rischio di infezione. Nonostante i pericoli di un sistema immunitario compromesso, restano elusive definizioni chiare di ciò che costituisce un’eccessiva soppressione. Qui esaminiamo le infezioni più comuni associate a deficit di anticorpi primari (PAD), come l’agammaglobulinemia, l’immunodeficienza comune variabile (CVID) e il deficit di IgA, nonché le infezioni associate a immunodeficienze anticorpali secondarie o indotte da farmaci (SAD).

Identifichiamo un numero di infezioni batteriche, virali e fungine (ad es. Listeria monocytogenes, Staphylococcus sp., Salmonella spp., Escherichia coli, influenza, virus della varicella zoster e virus dell’herpes simplex) associate sia a PAD che a SAD e suggeriamo che I criteri diagnostici per i PAD potrebbero essere utilizzati come misura di prima linea per identificare livelli potenzialmente pericolosi di soppressione immunitaria nei SAD.

In particolare, suggeriamo che, in base ai criteri diagnostici della PAD, i livelli di IgG dovrebbero rimanere al di sopra di 2-3 g / L, i livelli di IgA non dovrebbero scendere al di sotto di 0,07 g / L e i livelli di IgM dovrebbero rimanere al di sopra di 0,4 g / L per evitare che i farmaci immunosoppressori inducendo effetti simili a PAD mimetici.

Suggeriamo che questi criteri potrebbero essere utilizzati nelle prime fasi dello sviluppo dei farmaci e che i modelli farmacocinetici e farmacodinamici potrebbero aiutare a guidare la selezione dei pazienti per migliorare potenzialmente la sicurezza dei farmaci. Illustriamo l’approccio proposto utilizzando atacicept come esempio e concludiamo con una discussione sull’applicabilità di questo approccio per altri farmaci che possono indurre un’eccessiva soppressione immunitaria.

Rilevamento senza sfondo di anticorpi di topo su tessuto di topo mediante anticorpi secondari anti-isotipo

L’immunorilevazione sul tessuto processato di routine del topo tramite anticorpi allevati nei topi affronta la reattività crociata dei reagenti anti-topo secondari con immunoglobuline endogene, che permeano il tessuto. Sono state escogitate varie soluzioni a questo problema e comprendono blocchi di Ig endogeni con frammenti Fab anti-topo o anticorpi primari direttamente coniugati. Gli anticorpi specifici per l’isotipo di topo, a differenza dei reagenti diretti contro le catene sia pesanti che leggere, non riescono a rilevare le Ig endogene dopo la fissazione e l’inclusione, fornendo un sistema di rilevamento pulito e specifico per gli anticorpi di topo sul tessuto processato di routine.

Incidenza dell’infezione da SARS-CoV-2 negli operatori sanitari del Nord Italia in base allo stato anticorpale: protezione immunitaria dall’infezione secondaria – Uno studio caso-controllo osservazionale retrospettivo

 

Obiettivo: È stata valutata la forma di protezione infezione da SARS-CoV-2 indotta da positività agli anticorpi IgG SARS-CoV-2 anti-S1 e anti-S2 derivante da infezione naturale.
Metodi: La frequenza dell’infezione da SARS-CoV-2 (determinata dal rilevamento dell’RNA del virus) è stata valutata in un gruppo di 1.460 sieropositivi e in un gruppo di controllo di 8.150 operatori sanitari sieronegativi in tre Centri del Nord Italia nel periodo giugno-novembre 2020. Sono stati analizzati titoli sierici neutralizzanti in soggetti sieropositivi con o senza infezione secondaria da SARS-CoV-2.
Risultati: durante il sondaggio di 6 mesi, l’1,78% dei soggetti sieropositivi ha sviluppato un’infezione secondaria da SARS-CoV-2 mentre il 6,63% dei controlli sieronegativi ha sviluppato un’infezione primaria (odds ratio: 0,26; 95 % intervallo di confidenza: 0,17-0,38). L’infezione secondaria era associata a un titolo sierico neutralizzante basso o assente (p & lt; 0,01) ed era lievemente sintomatica nel 45,8% dei casi vs 71,4% delle infezioni primarie sintomatiche (odds ratio: 0,34; intervallo di confidenza al 95%: 0,16-0,78).
Conclusioni: L’immunità dall’infezione naturale sembra protettiva dall’infezione secondaria; pertanto, potrebbe essere prioritaria la vaccinazione di soggetti sieronegativi.
Parole chiave: infezione da SARS-CoV-2; protezione immunitaria; anticorpo neutralizzante; infezione secondaria.

 

Studio di fase I del frammento legante l’anticorpo anti-HtrA1 FHTR2163 nell’atrofia geografica secondaria alla degenerazione maculare legata all’età

 

Scopo: FHTR2163 è un nuovo frammento legante l’antigene (Fab) diretto contro la proteina richiesta ad alta temperatura A1 (HtrA1). L’inibizione dell’HtrA1 può preservare l’integrità della retina e rallentare la progressione della malattia nell’atrofia geografica (GA) secondaria alla degenerazione maculare senile (AMD). Questo studio ha esaminato la sicurezza, la farmacocinetica, l’immunogenicità e i cambiamenti nella proteina 3 (DKK3) correlata al substrato specifico di HtrA1 Dickkop in pazienti con GA che hanno ricevuto FHTR2163.
Disegno: Studio di fase I, in aperto, aumento della dose singola ascendente ed espansione di dosi multiple Metodi: Adulti di età ≥ 50 con GA secondaria ad AMD con migliore acuità visiva corretta che va tra Snellen 20/125 e 20/400 sono stati arruolati. Nella prima fase, è stata somministrata una singola iniezione intravitreale di FHTR2163 in 5 coorti di aumento della dose comprese tra 1 e 20 mg (n = 3 pazienti/coorte; n = 15 pazienti totali). La seconda fase ha valutato la dose massima testata di 20 mg somministrata ogni 4 settimane per 3 dosi (n = 13 pazienti).
Risultati: non sono state riportate tossicità dose-limitanti o eventi avversi oculari gravi; Gli eventi avversi più frequentemente riportati nell’occhio dello studio sono stati emorragia congiuntivale (n = 7), iperemia congiuntivale (n = 4) e dolore oculare (n = 2). Non sono stati valutati eventi avversi non oculari o oculari come correlati al farmaco. Non ci sono stati cambiamenti clinicamente significativi negli esami oculari. Un effetto farmacodinamico sostenuto dell’anti-HtrA1 è stato osservato nell’umore acqueo misurato dai livelli di DKK3 scisso.
Conclusioni: FHTR2163, un nuovo Fab diretto contro HtrA1, è stato ben tollerato senza DLT o eventi avversi oculari significativi. La molecola, quando iniettata per via intravitreale per 3 dosi, ha mostrato un effetto farmacodinamico sostenuto alla dose massima testata di 20 mg.
Parole chiave: Sperimentazione clinica; proteina 3 correlata a Dickkopf; atrofia geografica; proteina A1 richiesta ad alta temperatura.

 

Monoclonal Fibronectin Antibody - With BSA and Azide, Clone: 2755-8

AMM00039G Leading Biology 0.05mg 475.2 EUR

Monoclonal Fibronectin Antibody - Without BSA and Azide, Clone: 2755-8.

AMM00273G Leading Biology 0.1mg 580.8 EUR

Monoclonal CD6 Antibody - Without BSA and Azide, Clone: C6/372

AMM00454G Leading Biology 0.1mg 580.8 EUR

Monoclonal CD28 Antibody - Without BSA and Azide, Clone: C28/75

AMM00467G Leading Biology 0.1mg 580.8 EUR

Monoclonal CD28 Antibody - Without BSA and Azide, Clone: C28/77

AMM00468G Leading Biology 0.1mg 580.8 EUR

Monoclonal SUMO-2 Antibody - With BSA and Azide, Clone: SPM621

AMM01331G Leading Biology 0.05mg 475.2 EUR

Monoclonal SUMO-2 Antibody - Without BSA and Azide, Clone: SPM621

AMM01332G Leading Biology 0.1mg 580.8 EUR

Monoclonal CD6 Antibody - With BSA and Azide, Clone: SPV-L14

AMM01472G Leading Biology 0.05mg 475.2 EUR

Monoclonal CD6 Antibody - Without BSA and Azide, Clone: SPV-L14

AMM01473G Leading Biology 0.1mg 580.8 EUR

Monoclonal CD28 Antibody - With BSA and Azide, Clone: 204-12

AMM01531G Leading Biology 0.05mg 475.2 EUR

Monoclonal CD28 Antibody - Without BSA and Azide, Clone: 204-12

AMM01532G Leading Biology 0.1mg 580.8 EUR

Monoclonal SUMO-1 Antibody - With BSA and Azide, Clone: SPM571

APG01277G Leading Biology 0.05mg 475.2 EUR

Monoclonal SUMO-1 Antibody - Without BSA and Azide, Clone: SPM571

APG01280G Leading Biology 0.1mg 580.8 EUR

Monoclonal CD98 (SLC3A2) Antibody - With BSA and Azide, Clone: UM7F8

APR07308G Leading Biology 0.05mg 475.2 EUR

Monoclonal CD98 (SLC3A2) Antibody - Without BSA and Azide, Clone: UM7F8

APR07310G Leading Biology 0.1mg 580.8 EUR

Monoclonal CD28 Antibody - With BSA and Azide, Clone: C28/75

APR14428G Leading Biology 0.05mg 475.2 EUR

Monoclonal CD28 Antibody - With BSA and Azide, Clone: C28/77

APR14439G Leading Biology 0.05mg 475.2 EUR

Monoclonal CD6 Antibody - With BSA and Azide, Clone: C6/372

APR14458G Leading Biology 0.05mg 475.2 EUR

Monoclonal Moesin Antibody - With BSA and Azide, Clone: MSN/493

APR14682G Leading Biology 0.05mg 475.2 EUR

Monoclonal Moesin Antibody - With BSA and Azide, Clone: MSN/492

APR14683G Leading Biology 0.05mg 475.2 EUR

Monoclonal Moesin Antibody - Without BSA and Azide, Clone: MSN/493

APR14685G Leading Biology 0.1mg 580.8 EUR

Monoclonal Moesin Antibody - Without BSA and Azide, Clone: MSN/492

APR14686G Leading Biology 0.1mg 580.8 EUR

Kirrel3 (Short and Long) mouse monoclonal antibody, clone N321C/49

73-333 Origene Technologies GmbH 5 ml Ask for price

IL6 rat monoclonal antibody, ELISA and Luminex validated, clone OTI13A5

TA600023 Origene Technologies GmbH 100 µg Ask for price

Mouse Anti-HeV and NiV Glycoprotein Monoclonal Antibody, clone 48D3

CABT-NS1157 Creative Diagnostics 50 μg 895 EUR

Monoclonal Cytokeratin 7 (KRT7) (Glandular and Transitional Epithelial Marker) Antibody - With BSA and Azide, Clone: K72.7

APR14579G Leading Biology 0.05mg 475.2 EUR

Monoclonal Cytokeratin 7 (KRT7) (Glandular and Transitional Epithelial Marker) Antibody - With BSA and Azide, Clone: SPM270

APR14580G Leading Biology 0.05mg 475.2 EUR

Monoclonal Cytokeratin 7 (KRT7) (Glandular and Transitional Epithelial Marker) Antibody - Without BSA and Azid, Clone: K72.7

APR14587G Leading Biology 0.1mg 580.8 EUR

Monoclonal Cytokeratin 7 (KRT7) (Glandular and Transitional Epithelial Marker) Antibody - Without BSA and Azid, Clone: SPM270

APR14588G Leading Biology 0.1mg 580.8 EUR

Monoclonal MyoD1 (Rhabdomyosarcoma Marker) Antibody - With BSA and Azide, Clone: 5.8A

AMM00052G Leading Biology 0.05mg 475.2 EUR

Monoclonal MUC2 (Mucin 2) Antibody - With BSA and Azide, Clone: CCP58

AMM00090G Leading Biology 0.05mg 475.2 EUR

Monoclonal Eosinophil Peroxidase (EPX) Antibody - With BSA and Azide, Clone: EPO104

AMM00106G Leading Biology 0.05mg 475.2 EUR

Monoclonal Cytokeratin 8 (KRT8) Antibody - With BSA and Azide, Clone: H1

AMM00117G Leading Biology 0.05mg 475.2 EUR

Monoclonal Fibronectin (Cellular & Plasma) Antibody - With BSA and Azide, Clone: HFN7.1

AMM00120G Leading Biology 0.05mg 475.2 EUR

Monoclonal Cytokeratin 8 (KRT8) Antibody - With BSA and Azide, Clone: K8.8

AMM00139G Leading Biology 0.05mg 475.2 EUR

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Related Post