Encefalite associata ad anticorpi MOG secondaria a Covid-19: case report

Contesto: Mentre il Covid-19 colpisce prevalentemente il sistema respiratorio, in alcuni pazienti si verificano manifestazioni neurologiche, inclusa l’encefalite, che possono influenzare il decorso e l’esito della malattia. Qui descriviamo un caso unico di un giovane con Covid-19 ed encefalite transitoria MOG-positiva, con decorso benigno.
Presentazione del caso: Un maschio di 22 anni, con PCR confermata infezione da Covid-19 è stato ricoverato a causa di un persistente mal di testa. L’esame clinico era normale. I test neuropsicologici hanno rivelato deficit esecutivi distinti. La risonanza magnetica cerebrale e l’analisi del liquido cerebrospinale (CSF) erano indicative di encefalite. Ulteriori esami di laboratorio hanno rivelato un titolo anticorpale sierico MOG. Il mal di testa è migliorato con il trattamento analgesico e i.v. metilprednisolone. Di conseguenza, il titolo anticorpale MOG è diminuito e le lesioni alla risonanza magnetica si stavano risolvendo. Il paziente si è ripreso completamente, senza segni di peggioramento nei mesi successivi.
Conclusioni: Le manifestazioni di Covid-19 nel SNC comprendono l’encefalite con decorso e prognosi variabili. Questo caso evidenzia una possibile associazione tra infiammazione dovuta a COVID-19 e autoimmunità secondaria transitoria con anticorpi MOG transitori e presentazione clinica atipica.

Struttura secondaria e stabilità conformazionale dei residui antigenici che entrano in contatto con gli anticorpi

Gli anticorpi sono biomolecole cruciali che apportano un’elevata efficacia terapeutica in medicina e un’accurata rilevazione molecolare nella diagnosi. Molti studi sono stati dedicati all’analisi dell’interazione antigene-anticorpo dall’importanza di comprendere il meccanismo di riconoscimento dell’anticorpo. Tuttavia, la maggior parte degli studi precedenti ha esaminato la caratteristica dell’anticorpo per l’interazione. È anche informativo per chiarire i significativi residui di antigene che contribuiscono al legame.
Per caratterizzare l’interazione molecolare degli antigeni, abbiamo analizzato computazionalmente 350 strutture complesse antigene-anticorpo mediante calcoli di meccanica molecolare (MM) e simulazioni di dinamica molecolare (MD). Sulla base dei calcoli MM, i residui di antigene che contribuiscono al legame sono stati estratti da tutti i 350 complessi. I residui estratti si trovano all’interfaccia antigene-anticorpo e sono responsabili del contatto con l’anticorpo. Le apparizioni dei residui polari carichi, Asp, Glu, Arg e Lys, erano notevolmente grandi. Al contrario, le popolazioni dei residui idrofobici, Leu, Val e Ala, erano relativamente basse. Le frequenze di comparsa degli altri residui di amminoacidi erano quasi vicine all’abbondanza delle proteine generali degli eucarioti.
Il punteggio di legame indicava che l’interazione idrofila era dominante al contatto antigene-anticorpo invece di quello idrofobo. I residui carichi positivamente, Arg e Lys, hanno notevolmente contribuito al legame rispetto a quelli carichi negativamente, Asp e Glu. Notevoli contributi sono stati osservati anche per i residui polari non carichi, Asn e Gln. L’analisi delle strutture secondarie dei residui di antigene estratti ha suggerito che non vi era alcuna differenza marcata nel riconoscimento da parte degli anticorpi tra elica, foglio, giro e bobina.
Una lunga elica dell’antigene a volte entrava in contatto con regioni determinanti la complementarità dell’anticorpo, e un grande foglio copriva spesso anche le catene pesanti e leggere dell’anticorpo. La struttura a turni è stata la più comunemente osservata al contatto con l’anticorpo tra 350 complessi. Per ciascuna delle quattro strutture secondarie sono stati individuati tre complessi tipici. Sono state eseguite simulazioni MD per esaminare la stabilità delle strutture interfacciali degli antigeni per questi 12 modelli complessi.
Le alterazioni delle strutture secondarie sono state monitorate attraverso le simulazioni. Le fluttuazioni strutturali dei residui di contatto erano basse rispetto agli altri domini delle molecole di antigene. Non è stata osservata alcuna conversione drastica per ogni modello durante la simulazione di 100 ns. I movimenti dei residui dell’antigene interfacciale erano piccoli rispetto agli altri residui sulla superficie della proteina. Pertanto, sono possibili diverse conformazioni molecolari per il riconoscimento dell’anticorpo purché le aree bersaglio siano polari, non flessibili e sporgenti sulla superficie della proteina.

Dinamica delle concentrazioni sieriche di anticorpi contro infliximab: un nuovo approccio per prevedere la perdita secondaria di risposta nelle malattie infiammatorie intestinali

 

Contesto: Gli anticorpi anti infliximab (ATI) nel siero sono associati a perdita di risposta secondaria (LOR) alla terapia con infliximab (IFX) in pazienti con malattia infiammatoria intestinale (IBD). Tuttavia, mancano predittori di successo della terapia correlati all’ATI e la conoscenza delle dinamiche individuali dell’ATI è limitata. Pertanto, questo studio ha analizzato se le dinamiche ATI sono in grado di predire la terapia da LOR a IFX e ha confrontato il loro potere predittivo con predittori noti di LOR a IFX.
Metodi: Questo era uno studio retrospettivo su pazienti con malattia di Crohn (CD) o colite ulcerosa (CU) in terapia di mantenimento con IFX e monitoraggio proattivo di IFX e immunogenicità in un ambulatorio in Germania. Le pendenze dei livelli di ATI ( S ATI ) e IFX (parametri dinamici) e le mediane di ATI, IFX, proteina C-reattiva e calprotectina fecale (parametri statici) sono state calcolate su un periodo di tempo definito dopo la comparsa dell’ATI. I parametri dinamici e statici sono stati analizzati per le associazioni con l’interruzione degli endpoint di infliximab a causa della LOR secondaria e dell’interruzione totale dell’IFX.
Risultati: In tutto, sono state valutate 500 visite da 38 pazienti con IBD (28 CD, 10 UC) con una durata mediana di mantenimento dell’IFX di 68,2 settimane. Raggruppamento per ATI (ATI-N = ATI non rilevabile, ATI- ↓ = negativo S < / i> ATI , ATI- ↑ = positivo S ATI ) ha prodotto significativi differenze per risultati LOR ( p = 0,004) e interruzione totale di IFX ( p = 0,01). I pazienti nel gruppo ATI-↓ sono sopravvissuti significativamente più a lungo liberi da LOR rispetto al gruppo ATI-↑ ( p = 0,02). La regressione di Cox ha confermato che S ATI è un fattore di rischio significativo per LOR ( p = 0,002). È stato determinato un cut-off S ATI di circa 2,0 AU mL -1 alla settimana -1 per prevedere il LOR con 83,3% di sensibilità e 93,8% di specificità.
Conclusione: L’indice ATI basato sulla pendenza ATI è un nuovo predittore diagnostico fattibile di LOR nei pazienti con IBD. ATI può facilitare decisioni terapeutiche rapide dopo l’emergere di ATI.
Parole chiave: Morbo di Crohn; anticorpi contro infliximab; dinamica anticorpale; test di immunogenicità; malattia infiammatoria intestinale; infliximab; medicina personalizzata; perdita secondaria di risposta; monitoraggio terapeutico dei farmaci; fallimento del trattamento; colite ulcerosa.

Emersione della variante SARS-CoV-2 Alpha (B.1.1.7), tassi di infezione, sieroconversione anticorpale e tassi di sieroprevalenza negli studenti e nel personale delle scuole secondarie: sorveglianza prospettica attiva, da dicembre 2020 a marzo 2021, Inghilterra

 

Obiettivi: Abbiamo valutato l’infezione da SARS-CoV-2, la sieroprevalenza e la sieroconversione negli studenti e nel personale alla riapertura delle scuole secondarie nel marzo 2021.
Metodi: abbiamo avviato la sorveglianza SARS-CoV-2 in 18 scuole secondarie in sei regioni nel settembre 2020. I partecipanti hanno fornito tamponi nasali per RT-PCR e campioni di sangue per SARS-CoV -2 anticorpi all’inizio (settembre 2020) e alla fine (dicembre 2020) del semestre autunnale e all’inizio del semestre primaverile (marzo 2021).
Risultati: nel marzo 2021 sono stati testati 1895 partecipanti (1100 studenti: 795 dipendenti); Il 5,6% (61/1094) degli studenti e il 4,4% (35/792) del personale aveva un’infezione da SARS-CoV-2 confermata in laboratorio da dicembre 2020 a marzo 2021. La sieroprevalenza dell’anticorpo nucleoproteina era del 36,3% (370/1018) negli studenti e del 31,9 % (245/769) nel personale, mentre la prevalenza di anticorpi spike era rispettivamente del 39,5% (402/1018) e del 59,8% (459/769), simile alla sieroprevalenza della comunità regionale.
Tra dicembre 2020 e marzo 2021, il 14,8% (97/656; IC 95%: 12,2-17,7) e il 10,0% (59/590; IC 95%: 7,7-12,7) del personale si sono sieroconvertiti. I tassi di sieroconversione settimanale erano simili da settembre a dicembre 2020 (8,0 / 1000) e da dicembre 2020 a marzo 2021 (7,9 / 1000; studenti: 9,3 / 1.000; personale: 6,3 / 1.000).
Interpretazione: entro marzo 2021, un terzo degli studenti e del personale delle scuole secondarie aveva evidenza di una precedente infezione basata sulla sieropositività dell’anticorpo N e un ulteriore terzo del personale aveva evidenza del vaccino immunità indotta basata sulla sieropositività dell’anticorpo S.

Sperm Antibodies ELISA kit

55R-IB79156 Fitzgerald 96 wells 440 EUR

Bovine mycobacterium bovis antibodies

QY-E60132 Qayee Biotechnology 96T 426 EUR

Rabbit secondary antibody for fluorescein

3104 Virostat 1 vial 321.88 EUR

1-step Polymer HISTO-STAT; HRP, multivalent (Secondary Reagent Component) for staining Mouse, Rabbit & Rat antibodies, 900 plus slides

NB312L Innovex 50 ml 624 EUR

1-step Polymer HISTO-STAT; HRP, multivalent (Secondary Reagent Component) for staining Mouse, Rabbit & Rat antibodies 350 plus slides

NB312L-15 Innovex 20 ml 508 EUR

Human Cathepsin Antibodies ELISA kit

E01C0695-192T BlueGene 192 tests 1270 EUR

Human Cathepsin Antibodies ELISA kit

E01C0695-48 BlueGene 1 plate of 48 wells 520 EUR

Human Cathepsin Antibodies ELISA kit

E01C0695-96 BlueGene 1 plate of 96 wells 685 EUR

Mouse Cathepsin Antibodies ELISA kit

E03C0695-192T BlueGene 192 tests 1270 EUR

Mouse Cathepsin Antibodies ELISA kit

E03C0695-48 BlueGene 1 plate of 48 wells 520 EUR

Mouse Cathepsin Antibodies ELISA kit

E03C0695-96 BlueGene 1 plate of 96 wells 685 EUR

Rabbit Cathepsin Antibodies ELISA kit

E04C0695-192T BlueGene 192 tests 1270 EUR

Rabbit Cathepsin Antibodies ELISA kit

E04C0695-48 BlueGene 1 plate of 48 wells 520 EUR

Rabbit Cathepsin Antibodies ELISA kit

E04C0695-96 BlueGene 1 plate of 96 wells 685 EUR

Rat Cathepsin Antibodies ELISA kit

E02C0695-192T BlueGene 192 tests 1270 EUR

Rat Cathepsin Antibodies ELISA kit

E02C0695-48 BlueGene 1 plate of 48 wells 520 EUR

Rat Cathepsin Antibodies ELISA kit

E02C0695-96 BlueGene 1 plate of 96 wells 685 EUR

Monkey Cathepsin Antibodies ELISA kit

E09C0695-192T BlueGene 192 tests 1270 EUR

Monkey Cathepsin Antibodies ELISA kit

E09C0695-48 BlueGene 1 plate of 48 wells 520 EUR

Monkey Cathepsin Antibodies ELISA kit

E09C0695-96 BlueGene 1 plate of 96 wells 685 EUR

Pig Cathepsin Antibodies ELISA kit

E07C0695-192T BlueGene 192 tests 1270 EUR

Pig Cathepsin Antibodies ELISA kit

E07C0695-48 BlueGene 1 plate of 48 wells 520 EUR

Pig Cathepsin Antibodies ELISA kit

E07C0695-96 BlueGene 1 plate of 96 wells 685 EUR

Dog Cathepsin Antibodies ELISA kit

E08C0695-192T BlueGene 192 tests 1270 EUR

Dog Cathepsin Antibodies ELISA kit

E08C0695-48 BlueGene 1 plate of 48 wells 520 EUR

Dog Cathepsin Antibodies ELISA kit

E08C0695-96 BlueGene 1 plate of 96 wells 685 EUR

Goat Cathepsin Antibodies ELISA kit

E06C0695-192T BlueGene 192 tests 1270 EUR

Goat Cathepsin Antibodies ELISA kit

E06C0695-48 BlueGene 1 plate of 48 wells 520 EUR

Goat Cathepsin Antibodies ELISA kit

E06C0695-96 BlueGene 1 plate of 96 wells 685 EUR

Anti-Bovine HMGB1 IgG Antibodies

7028 Chondrex 1 mg/ml x 0.1 ml 338.55 EUR

Anti-Bovine HMGB1 IgY Antibodies

7064 Chondrex 1 mg/ml x 0.1 ml 338.55 EUR

Phosphoserine (Set of 6 Antibodies)

abx023806-1Set Abbexa 1 Set 1414 EUR

Protein (antigen/antibodies) Biotinylation Kit

80300 Alpha Diagnostics 1 kit 445 EUR

Recombinant Secondary Lymphoid Tissue Chemokine (SLC)

4-RPB575Hu01 Cloud-Clone
  • 476.32 EUR
  • 230.00 EUR
  • 1511.20 EUR
  • 570.40 EUR
  • 1040.80 EUR
  • 382.00 EUR
  • 3628.00 EUR
  • 100 ug
  • 10ug
  • 1 mg
  • 200 ug
  • 500 ug
  • 50ug
  • 5 mg

Recombinant Secondary Lymphoid Tissue Chemokine (SLC)

4-RPB575Mu01 Cloud-Clone
  • 512.16 EUR
  • 240.00 EUR
  • 1645.60 EUR
  • 615.20 EUR
  • 1130.40 EUR
  • 406.00 EUR
  • 3964.00 EUR
  • 100 ug
  • 10ug
  • 1 mg
  • 200 ug
  • 500 ug
  • 50ug
  • 5 mg

Recombinant Secondary Lymphoid Tissue Chemokine (SLC)

4-RPB575Ra01 Cloud-Clone
  • 531.87 EUR
  • 245.00 EUR
  • 1719.52 EUR
  • 639.84 EUR
  • 1179.68 EUR
  • 419.00 EUR
  • 4148.80 EUR
  • 100 ug
  • 10ug
  • 1 mg
  • 200 ug
  • 500 ug
  • 50ug
  • 5 mg

Secondary Lymphoid Tissue Chemokine (SLC) Antibody

20-abx178322 Abbexa
  • 1177.00 EUR
  • 578.00 EUR
  • 1 mg
  • 200 ug

Secondary Lymphoid Tissue Chemokine (SLC) Antibody

20-abx174470 Abbexa
  • 815.00 EUR
  • 425.00 EUR
  • 1 mg
  • 200 ug

Secondary Lymphoid Tissue Chemokine (SLC) Antibody

20-abx103652 Abbexa
  • 411.00 EUR
  • 133.00 EUR
  • 1149.00 EUR
  • 565.00 EUR
  • 314.00 EUR
  • 100 ug
  • 10 ug
  • 1 mg
  • 200 ug
  • 50 ug

Secondary Lymphoid Tissue Chemokine (SLC) Antibody

20-abx103653 Abbexa
  • 425.00 EUR
  • 133.00 EUR
  • 1177.00 EUR
  • 578.00 EUR
  • 328.00 EUR
  • 100 ug
  • 10 ug
  • 1 mg
  • 200 ug
  • 50 ug

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Related Post