Descriviamo qui un caso di malattia correlata agli anticorpi MOG in seguito all’infezione da SARS-CoV-2

Una donna di 24 anni ha sviluppato neurite ottica unilaterale 3 settimane dopo essere stata infettata da COVID-19, seguita da lesioni demielinizzanti intracraniche e mielite. Poiché gli anticorpi anti-MOG sierici erano positivi, abbiamo diagnosticato una malattia correlata agli anticorpi MOG. L’immunoterapia steroidea ha comportato un rapido miglioramento dei sintomi neurologici. Questo è un caso indicativo in quanto non ci sono segnalazioni di malattia associata agli anticorpi MOG con i molteplici cambiamenti neurologici successivi a COVID-  19. La risposta all’immunoterapia è stata favorevole. Questo caso suggerisce che è importante misurare gli anticorpi anti-MOG nei pazienti che hanno sviluppato una malattia neurologica infiammatoria dopo COVID-19.

La Georgia ha confermato il suo primo caso di infezione da SARS-COV-2 il 26 febbraio 2020. Nonostante l’azione proattiva del governo nelle prime fasi dell’epidemia, il numero di nuove infezioni da SARS-COV-2 è in aumento e sono stati registrati un totale di 110 casi segnalato entro il 31 marzo. La conoscenza limitata di un focolaio può portare al panico e interrompere gli sforzi di salute pubblica per arginare la trasmissione. Pertanto, è molto importante comprendere la percezione della malattia da parte della popolazione e il livello percepito di disponibilità del governo a combattere la diffusione dell’infezione.

Coronavirus di pipistrello correlati a SARS-CoV-2 e infettivi per le cellule umane.

Il serbatoio SARS-CoV-2 negli animali è sconosciuto nonostante le segnalazioni di vari virus associati a SARS-CoV-2 nei pipistrelli asiatici Rhinolophus  1-4  , incluso il virus più vicino di R. affinis, RaTG13  5.6   e  pangolini 7-9  . SARS-CoV-2 rappresenta un genoma a mosaico a cui contribuiscono diversi antenati. La sequenza di spike determina l’affinità di legame e la disponibilità del suo dominio di legame del recettore (RBD) al recettore cellulare dell’enzima di conversione dell’angiotensina 2 (ACE2) ed è responsabile dell’intervallo  ospite 10-12  .

I virus progenitori del pipistrello SARS-CoV-2 geneticamente correlati a SARS-CoV-2 e in grado di entrare nelle cellule umane attraverso il percorso ACE2 umano devono ancora essere identificati, sebbene sarebbero fondamentali per comprendere l’origine dell’epidemia. Qui mostriamo che tali virus circolano effettivamente tra i pipistrelli delle caverne che vivono nel terreno carsico calcareo del Laos settentrionale, nella penisola dell’Indocina. Abbiamo scoperto che l’RBD di questi virus differisce da SARS-CoV-2 solo per uno o due residui all’interfaccia con ACE2, si lega in modo più efficiente alla proteina hACE2 rispetto al ceppo Wuhan SARS-CoV-2 isolato nei primi casi umani e media l’ingresso e la replicazione dipendente da hACE2 nelle cellule umane, che è inibito dagli anticorpi neutralizzanti SARS-CoV-2. Nessuno di questi virus dei pipistrelli contiene un sito di scissione della furina nella punta. I nostri risultati indicano quindi che i virus SARS-CoV-2 trasmessi dai pipistrelli potenzialmente infettivi per l’uomo circolano in Rhinolophus spp Nella penisola dell’Indocina.

 

Le prove per un determinante della salute sociale del rischio di infezione da SARS-CoV-2 e degli esiti avversi sono ancora limitate.

Pertanto, questo studio esplora le differenze educative nell’incidenza dell’infezione e della mortalità entro 30 giorni dall’inizio dell’infezione nel 2020 a Roma, con particolare enfasi sui cambiamenti nel tempo delle disuguaglianze socio-economiche.

  • È stata presa in considerazione una coorte di 1.538.231 residenti a Roma al 1 gennaio 2020, di età superiore ai 35 anni, monitorati dal 1 marzo al 31 dicembre 2020.  Sono stati stimati l’incidenza cumulativa e i tassi di mortalità per istruzione. I modelli multivariati log-binomiali e di regressione di Cox sono stati utilizzati per studiare le differenze educative nell’incidenza e nella mortalità dell’infezione da SARS-CoV-2 durante il periodo di studio e nelle tre fasi della pandemia  .
  • Nel 2020 si sono registrati 47.736 casi e 2.281 decessi. La relazione tra istruzione e incidenza dell’infezione è cambiata nel tempo. Fino a maggio 2020, le persone con istruzione bassa e secondaria avevano un rischio di infezione inferiore rispetto a quelle con istruzione superiore.
  • Tuttavia, non vi era alcuna evidenza di un’associazione tra l’istruzione e l’incidenza dell’infezione estiva da SARS-CoV-2. Infine, gli adulti con un basso livello di istruzione avevano un rischio di infezione del 25% più alto da settembre a dicembre rispetto a quelli con un’istruzione superiore.
  • Allo stesso modo,  nell’ultimo semestre del 2020 sono emerse sostanziali evidenze di disuguaglianze educative nella mortalità entro 30 giorni dall’inizio dell’infezione. A Roma, le disuguaglianze sociali legate al COVID-19 sono emerse nell’ultimo semestre del 2020 e rafforzano la necessità di monitorare il disuguaglianze  derivanti da questa pandemia.
  • Ad oggi, più di 250 milioni di persone sono state infettate dal COVID-19, che si è diffuso in tutto il mondo e ha provocato circa 5,1 milioni di morti.
  • Per prevenire sia il COVID-19 che la trasmissione virale, sono stati recentemente sviluppati vaccini a base di DNA/RNA, vaccini contenenti vettori virali non replicanti e vaccini inattivati. Tuttavia, manca ancora l’esatta caratterizzazione clinica e istologica dei sintomi dermatologici associati al vaccino SARS-CoV-2.
  • È stata condotta una revisione sistematica di 229 articoli in conformità con le linee guida PRISMA (Preferred Reporting Items for Systematic Reviews and Meta-Analyzes) per fornire una panoramica completa delle manifestazioni cutanee associate a SARS-CoV-2. I dati demografici, il numero di casi segnalati di coinvolgimento della pelle, il vaccino e il tipo di eruzione cutanea (morfologia) sono stati estratti dagli articoli e riassunti.

 

Sono stati raccolti un totale di 5.941 sintomi dermatologici correlati al vaccino SARS-CoV-2. Le reazioni più comuni sono state reazioni locali al sito di iniezione, seguite da eruzioni cutanee/eruzioni cutanee indeterminate, eruzioni cutanee da orticaria, angioedema, fuoco di Sant’Antonio, eruzioni simil-morbillo/maculopapulari/eritematose, rosacea e rosacea e altre eruzioni dermatologiche meno comuni. Sono state segnalate anche esacerbazioni di condizioni dermatologiche preesistenti. Le reazioni avverse cutanee in seguito alla somministrazione del vaccino SARS-CoV-2 sembrano essere eterogenee, piuttosto rare e non pericolose per la vita. I pazienti vaccinati devono essere monitorati per le manifestazioni cutanee e, se necessario, valutati dermatologicamente.

Questo studio presenta i risultati di un’indagine volta a comprendere atteggiamenti e conoscenze sul virus SARS-COV-2 tra la popolazione georgiana, compresi gli operatori sanitari (HCW).

Il sondaggio online è stato condotto utilizzando un annuncio di Facebook. L’obiettivo era l’intero paese e la lingua parlata era il georgiano. Abbiamo raccolto informazioni su dati demografici, conoscenza dei sintomi e modi di trasmissione del coronavirus, differenze percepite tra coronavirus e influenza, disponibilità di farmaci antivirali e immunizzazione. Abbiamo anche incluso domande volte a catturare le opinioni della popolazione georgiana sulla disponibilità del governo a combattere il nuovo coronavirus. Il sondaggio è stato aperto per tre giorni (2-4 marzo 2020).

5228 partecipanti hanno completato il questionario. Di questi, il 40,3% aveva un’età compresa tra 25 e 45 anni e il 58,2% erano donne. Il 20,7% degli intervistati aveva una laurea e il 10,3% erano operatori sanitari. Per il 25,8% degli intervistati, il COVID-19 e l’influenza sono le stesse malattie; Il 10,9% non sapeva se fosse diverso. La maggioranza ha identificato correttamente la via di trasmissione ei sintomi (rispettivamente 96,9% e 98,0%). In termini di distanza fisica, il 13,2% ha indicato che avrebbe partecipato a eventi pubblici se necessario, anche se avesse sintomi di COVID-19. Il 19,1% ritiene che la Georgia sia preparata all’epidemia di COVID 19 considerando che, secondo il 55%, il poviat non è pronto, ma gli operatori sanitari stanno cercando di rispondere adeguatamente a questa sfida. Per il 18%, la risposta è insufficiente. Non c’erano differenze di conoscenza tra dipendenti POZ, dipendenti senza POZ e disoccupati.

Il 20% degli operatori sanitari e di altre persone sottoposte al test ritiene che i vaccini e i farmaci SARS-COV-2 esistano ma semplicemente non sono disponibili in Georgia. Un georgiano su cinque crede che esistano un vaccino e cure per il coronavirus, ma non sono disponibili a livello nazionale. Dato che le informazioni sul coronavirus stanno cambiando molto rapidamente, la necessità di raggiungere le persone con contenuti educativi che richiedono tempo e strategie di prevenzione è fondamentale. Sono passati tre mesi dalla scoperta di un nuovo coronavirus che causa una sindrome respiratoria acuta grave ed è classificato come SARS-COV-2.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Related Post

Le cellule natural killer infiltrate nel midollo osseo hanno predetto l’attività anti-leucemia degli inibitori MCL1 o BCL2 nella leucemia mieloide acutaLe cellule natural killer infiltrate nel midollo osseo hanno predetto l’attività anti-leucemia degli inibitori MCL1 o BCL2 nella leucemia mieloide acuta

La leucemia mieloide acuta (LMA) è ancora incurabile a causa della sua eterogeneità e complessità del microambiente tumorale. È quindi imperativo comprendere la patogenesi molecolare dell’AML e identificare i biomarcatori