XAV-19, un anticorpo policlonale glico-umanizzato suino contro il dominio legante il recettore Spike SARS-CoV-2, mira a più epitopi e neutralizza ampiamente le varianti

Le sostituzioni e le delezioni di aminoacidi nella proteina Spike delle varianti di coronavirus 2 (SARS-CoV-2) della sindrome respiratoria acuta grave possono ridurre l’efficacia degli anticorpi monoclonali (mAbs). Al contrario, gli anticorpi policlonali eterologhi generati contro la proteina S, attraverso il riconoscimento di epitopi bersaglio multipli, hanno il potenziale per mantenere le capacità di neutralizzazione. XAV-19 è un anticorpo neutralizzante policlonale suina glico-umanizzato generato contro il dominio di legame del recettore (RBD) della proteina Wuhan-Hu-1 Spike di SARS-CoV-2. Gli epitopi bersaglio di XAV-19 sono stati trovati distribuiti in tutto il RBD e in particolare coprono i motivi di legame del recettore (RBM), nei siti di contatto diretto con l’enzima di conversione dell’angiotensina-2 (ACE-2).
Pertanto, nei saggi di interazione Spike / ACE-2, XAV-19 ha mostrato potenti capacità di neutralizzazione dell’originale Wuhan Spike e delle varianti del Regno Unito (Alpha / B.1.1.7) e del Sud Africa (Beta / B.1.351). Questi risultati sono stati confermati da saggi citopatogeni utilizzando Vero E6 e varianti di virus vivi, comprese le varianti brasiliane (Gamma / P.1) e indiane (Delta / B.1.617.2). In uno studio selettivo sulla pressione sulle cellule Vero E6 condotto nell’arco di 1 mese, nessuna mutazione è stata associata all’aggiunta di dosi crescenti di XAV-19.
Il potenziale per ridurre la carica virale nei polmoni è stato confermato in un modello murino umano trasdotto con ACE-2. XAV-19 è attualmente valutato in pazienti ricoverati per polmonite moderata indotta da COVID-19 nella fase 2a-2b (<a href=”http://clinicaltrials.gov/show/NCT04453384” title=”See in ClinicalTrials.gov”> NCT04453384 </a>) dove la sicurezza era già stata dimostrata e in uno studio 2/3 in corso (<a href=”http://clinicaltrials.gov/show/NCT04928430″ title=”See in ClinicalTrials.gov”> NCT04928430 </>> a>) per valutare l’efficacia e la sicurezza di XAV-19 nei pazienti con moderata-grave COVID-19. A causa della sua natura policlonale e della sua glico-umanizzazione, XAV-19 può fornire un nuovo strumento terapeutico sicuro ed efficace per mitigare la gravità della malattia da coronavirus 2019 (COVID-19), comprese le diverse varianti di preoccupazione identificate finora.

La pre-iniezione di pesce zebra ( Danio rerio tnfb L’anticorpo policlonale riduce la mortalità di Vibrio vulnificus Pesce zebra infetto

Il fattore di necrosi tumorale (TNF) svolge un ruolo importante in una tempesta di citochine infiammatorie. L’eccessiva secrezione di TNF da parte dell’ospite in risposta all’infezione aggrava la malattia. Il livello di espressione del TNF è correlato positivamente con la mortalità causata da alcune infezioni batteriche. Pertanto, l’uso di anticorpi TNF può alleviare l’infiammazione per resistere alle infezioni batteriche. La funzione dell’anticorpo di pesce TNF-b nell’infezione batterica non è ancora chiara.

In questo studio, sono stati stabiliti modelli di infezione del ceppo Vibrio vulnificus FJ03-X2 con elevata patogenicità e forte virulenza nella linea cellulare di fibroblasti di zebrafish ( Danio rerio ) (cellule ZF4) e zebrafish . Il gene Zebrafish tnfb ( Zetnf-b ) è stato clonato ed espresso da Escherichia coli BL21 (DE3) ed è stato preparato l’anticorpo policlonale Zetnf-b. Pre-iniezione di anticorpo policlonale Zetnf-b e AG-126 prima dell’infezione con V. vulnificus potrebbe aumentare il tasso di sopravvivenza del pesce zebra rispettivamente del 36,6 e del 46,7%. La pre-iniezione dell’anticorpo policlonale Zetnf-b potrebbe ridurre efficacemente la mortalità del pesce zebra infetto da V. vulnifico . Pertanto, la terapia con anticorpi policlonali TNF potrebbe essere considerata una strategia efficace per controllare Vi. vulnificus nel pesce.

 

Rilevamento istologico di Helicobacter pylori con il metodo immunoistochimico utilizzando l’anticorpo policlonale anti-Helicobacter pylori: uno studio trasversale su pazienti con patologie gastriche presso il Muhimbili National Hospital di Dar-es-salaam, in Tanzania

Contesto e scopo dello studio: l’immunoistochimica è uno dei metodi superiori ed è considerato il gold standard per la rilevazione dell’Helicobacter pylori. Abbiamo mirato a rilevare la presenza di Helicobacter pylori nelle biopsie gastriche tra i pazienti dell’Ospedale Nazionale di Muhimbili da gennaio 2012 a dicembre 2016. Inoltre, abbiamo determinato i predittori dell’infezione da Helicobacter pylori.
Pazienti e metodi: Retrospettivamente, abbiamo recuperato i blocchi di tessuto di biopsie gastriche presso il Laboratorio Centrale di Patologia di pazienti con diverse patologie gastriche presso l’Ospedale Nazionale di Muhimbili da gennaio 2012 a dicembre. 2016.
L’Helicobacter pylori è stato rilevato utilizzando anticorpi policlonali anti-Helicobacter pylori. È stata eseguita un’analisi di regressione logistica binaria per determinare i predittori di infezione da Helicobacter pylori. A due code p & lt; 0,05 è stato considerato significativo.
Risultati: La prevalenza di rilevamento di Helicobacter pylori è stata del 37,1% (63/170) utilizzando l’immunoistochimica rispetto al 32,4% (55/170) utilizzando l’istologia. L’ulcera peptica, l’assenza di cancro gastrico e la gastrite cronica erano i predittori dell’infezione da Helicobacter pylori nel nostro studio (AOR = 0,2, 95% CI = 0,06-0,70, p = 0,011, AOR = 3,23, 95% CI = 1,02- 10,29, p = 0,047, AOR = 0,32, IC 95% = 0,12-0,87, p = 0,025, rispettivamente).
Conclusione: In questo studio, l’infezione da Helicobacter pylori è stata associata alla presenza di ulcera peptica, gastrite cronica e assenza di cancro gastrico. Il tasso di rilevamento dell’infezione da Helicobacter pylori è stato maggiore nei blocchi tissutali dei pazienti anziani rispetto a quelli dei pazienti giovani. Inoltre, il cancro gastrico era più diffuso nelle pazienti anziane.

Preparazione e identificazione dell’anticorpo policlonale di ratto contro la proteasi principale SARS-CoV-2 (Mpro)

Obiettivo Per studiare le funzioni immunologiche della proteasi principale SARS-CoV-2 (Mpro) nella malattia da coronavirus 2019 (COVID-19), è stato sviluppato un anticorpo policlonale contro Mpro. Metodi Un gene Mpro SARS-CoV-2 ottimizzato per codone è stato sintetizzato e ligato in un vettore pET-28a per la costruzione di un plasmide ricombinante denominato pET-28a-Mpro. Successivamente, questo plasmide è stato trasformato in cellule competenti di E.coli Rosetta (DE3) per l’espressione di Mpro in condizioni ottimizzate, e quindi Mpro è stato purificato utilizzando una colonna chelante HisTrap.
L’Mpro purificato è stato utilizzato come immunogeno per inoculare i ratti e il siero è stato raccolto dopo il terzo ciclo di immunizzazione. Il titolo, la selettività e la sensibilità dell’anticorpo policlonale contro Mpro sono stati analizzati utilizzando l’analisi ELISA e Western blot. Risultati È stata determinata una condizione di espressione ottimizzata nelle cellule di E.coli per Mpro e l’Mpro ricombinante è stato purificato mediante una colonna chelante HisTrap.
L’analisi ELISA e Western blot ha dimostrato che l’anticorpo policlonale altamente sensibile contro Mpro ha riconosciuto in modo speciale l’Mpro ricombinante e il titolo ha raggiunto 1: 256 000. Conclusione L’anticorpo policlonale altamente specifico contro SARS-CoV-2 Mpro è stato preparato con successo, che pone un fondamento sperimentale per studiare la funzione immunologica di Mpro in COVID-19.

Impatti delle preparazioni di anticorpi policlonali di origine aviaria come additivo per mangimi per bovini da carne: risposte immunitarie durante le diete di transizione step-up

Questo studio ha studiato gli effetti della somministrazione di una preparazione di anticorpi policlonali di derivazione aviaria (PAP; CAMAS, Inc.) contro Streptococcus bovis, Fusobacterium necrophorum e lipopolisaccaridi (rispettivamente 40, 35 e 25% della preparazione) sulle risposte immunitarie [aptoglobina (Hp), amiloide A sierica (SAA), temperatura rettale (RT), conta leucocitaria ed espressione di molecole di adesione cellulare cluster of differenziation (CD) CD11b, CD14 e CD62L] di bovini durante uno step-up di 21 giorni adattamento a una dieta ricca di cereali. Otto bovini di razza Angus cannulati ruminalmente (658 ± 79 kg di peso corporeo) sono stati assegnati in un disegno incrociato e sono stati trasferiti da una dieta contenente fieno di bermudagrass [Cynodon dactylon (L.) Pers.]
Ad libitum più 0,45 kg / die di melassa con 0 (CON) o 3 g di PAP (PAP) a una dieta ricca di cereali. La transizione consisteva in tre fasi di 7 giorni di aumento dell’inclusione di mais spezzato (35, 60 e 82% della sostanza secca della dieta per STEP1, STEP2 e STEP3, rispettivamente). In ogni giorno di transizione e 7 giorni dopo lo STEP3 (STEP3-7d), la RT è stata ottenuta ogni 3 ore per un totale di 24 ore, mentre il sangue è stato raccolto nei giorni 0, 1 e 3, rispetto alla transizione alimentare. Non ci sono stati effetti dell’inclusione di PAP in nessuno dei parametri ematici (P & gt; 0,11). Tuttavia, è stata osservata una tendenza all’effetto giorno (P = 0,10) per le concentrazioni di Hp, che erano maggiori su d 3 e 7 vs. d 0 relativo alla seconda transizione alimentare (STEP2).
Le concentrazioni plasmatiche di SAA erano maggiori il giorno 1, 3 e 7 rispetto al giorno 0 durante STEP1 (P = 0,01), mentre durante STEP2 e STEP3, le concentrazioni di SAA aumentavano (P & lt; 0,01) da d 0 a 3. Durante STEP2 , manzi PAP tendevano ad avere inferiore (p = 0,08) RT di manzi CON. La conta dei neutrofili e dei monociti era la minima durante l’alimentazione con foraggio (P & lt; 0,01), mentre l’espressione di CD11b e CD62L era la minima durante l’alimentazione con foraggio. La concentrazione di amido nella dieta è stata correlata a tutte le variabili testate (P 0,01), ad eccezione della percentuale di cellule B (P = 0,22).
Eppure solo il pH ruminale, la RT, i monociti e la conta dei neutrofili presentavano forti coefficienti di correlazione. In conclusione, la transizione graduale dalle diete foraggere a quelle ricche di cereali ha innescato un’infiammazione sistemica nei bovini, come osservato dall’aumento delle concentrazioni plasmatiche di aptoglobina, amiloide A sierica e dall’espressione sulle molecole di adesione nei leucociti. Tuttavia, la somministrazione di preparati di anticorpi policlonali contro Streptococcus bovis, Fusobacterium necrophorum e lipopolisaccaride non ha fornito benefici per mitigare l’infiammazione.

 

Pig Cathepsin Antibodies ELISA kit

E07C0695-48 BlueGene 1 plate of 48 wells 520 EUR

Pig Cathepsin Antibodies ELISA kit

E07C0695-96 BlueGene 1 plate of 96 wells 685 EUR

Dog Cathepsin Antibodies ELISA kit

E08C0695-192T BlueGene 192 tests 1270 EUR

Dog Cathepsin Antibodies ELISA kit

E08C0695-48 BlueGene 1 plate of 48 wells 520 EUR

Dog Cathepsin Antibodies ELISA kit

E08C0695-96 BlueGene 1 plate of 96 wells 685 EUR

Goat Cathepsin Antibodies ELISA kit

E06C0695-192T BlueGene 192 tests 1270 EUR

Goat Cathepsin Antibodies ELISA kit

E06C0695-48 BlueGene 1 plate of 48 wells 520 EUR

Goat Cathepsin Antibodies ELISA kit

E06C0695-96 BlueGene 1 plate of 96 wells 685 EUR

Anti-Bovine HMGB1 IgG Antibodies

7028 Chondrex 1 mg/ml x 0.1 ml 338.55 EUR

Anti-Bovine HMGB1 IgY Antibodies

7064 Chondrex 1 mg/ml x 0.1 ml 338.55 EUR

Phosphoserine (Set of 6 Antibodies)

abx023806-1Set Abbexa 1 Set 1414 EUR

Protein (antigen/antibodies) Biotinylation Kit

80300 Alpha Diagnostics 1 kit 445 EUR

Mouse anti- prothrombins antibodies ELISA Kit

ELA-E0319m Lifescience Market 96 Tests 865 EUR

Human Platelet antibodies IgG ELISA kit

E01P0594-192T BlueGene 192 tests 1270 EUR

Human Platelet antibodies IgG ELISA kit

E01P0594-48 BlueGene 1 plate of 48 wells 520 EUR

Human Platelet antibodies IgG ELISA kit

E01P0594-96 BlueGene 1 plate of 96 wells 685 EUR

Human Platelet antibodies IgA ELISA kit

E01P0596-192T BlueGene 192 tests 1270 EUR

Human Platelet antibodies IgA ELISA kit

E01P0596-48 BlueGene 1 plate of 48 wells 520 EUR

Human Platelet antibodies IgA ELISA kit

E01P0596-96 BlueGene 1 plate of 96 wells 685 EUR

Human Anti Apolipoprotein Antibodies ELISA kit

E01A0447-192T BlueGene 192 tests 1270 EUR

Human Anti Apolipoprotein Antibodies ELISA kit

E01A0447-48 BlueGene 1 plate of 48 wells 520 EUR

Human Anti Apolipoprotein Antibodies ELISA kit

E01A0447-96 BlueGene 1 plate of 96 wells 685 EUR

Human Anti acrosin antibodies ELISA kit

E01A0718-192T BlueGene 192 tests 1270 EUR

Human Anti acrosin antibodies ELISA kit

E01A0718-48 BlueGene 1 plate of 48 wells 520 EUR

Human Anti acrosin antibodies ELISA kit

E01A0718-96 BlueGene 1 plate of 96 wells 685 EUR

Rat Anti acrosin antibodies ELISA kit

E02A0718-192T BlueGene 192 tests 1270 EUR

Rat Anti acrosin antibodies ELISA kit

E02A0718-48 BlueGene 1 plate of 48 wells 520 EUR

Rat Anti acrosin antibodies ELISA kit

E02A0718-96 BlueGene 1 plate of 96 wells 685 EUR

Rat Anti Apolipoprotein Antibodies ELISA kit

E02A0447-192T BlueGene 192 tests 1270 EUR

Rat Anti Apolipoprotein Antibodies ELISA kit

E02A0447-48 BlueGene 1 plate of 48 wells 520 EUR

Rat Anti Apolipoprotein Antibodies ELISA kit

E02A0447-96 BlueGene 1 plate of 96 wells 685 EUR

Mouse Platelet antibodies IgG ELISA kit

E03P0594-192T BlueGene 192 tests 1270 EUR

Mouse Platelet antibodies IgG ELISA kit

E03P0594-48 BlueGene 1 plate of 48 wells 520 EUR

Mouse Platelet antibodies IgG ELISA kit

E03P0594-96 BlueGene 1 plate of 96 wells 685 EUR

Mouse Platelet antibodies IgA ELISA kit

E03P0596-192T BlueGene 192 tests 1270 EUR

Mouse Platelet antibodies IgA ELISA kit

E03P0596-48 BlueGene 1 plate of 48 wells 520 EUR

Mouse Platelet antibodies IgA ELISA kit

E03P0596-96 BlueGene 1 plate of 96 wells 685 EUR

Rabbit Anti Apolipoprotein Antibodies ELISA kit

E04A0447-192T BlueGene 192 tests 1270 EUR

Rabbit Anti Apolipoprotein Antibodies ELISA kit

E04A0447-48 BlueGene 1 plate of 48 wells 520 EUR

Rabbit Anti Apolipoprotein Antibodies ELISA kit

E04A0447-96 BlueGene 1 plate of 96 wells 685 EUR

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Related Post

Higher Physical Activity Level Improves Leptin Concentrations in Spinal Cord Injury Subjects

Un livello di attività fisica più elevato migliora le concentrazioni di leptina nei soggetti con lesioni del midollo spinaleUn livello di attività fisica più elevato migliora le concentrazioni di leptina nei soggetti con lesioni del midollo spinale

L’attuale studio è stato progettato per verificare la composizione corporea e gli indicatori di grado infiammatorio continuo, come le concentrazioni di  leptina , adiponectina e resistina in soggetti SCI irregolarmente vivaci e vivaci. Trentadue soggetti

Le cellule natural killer infiltrate nel midollo osseo hanno predetto l’attività anti-leucemia degli inibitori MCL1 o BCL2 nella leucemia mieloide acutaLe cellule natural killer infiltrate nel midollo osseo hanno predetto l’attività anti-leucemia degli inibitori MCL1 o BCL2 nella leucemia mieloide acuta

La leucemia mieloide acuta (LMA) è ancora incurabile a causa della sua eterogeneità e complessità del microambiente tumorale. È quindi imperativo comprendere la patogenesi molecolare dell’AML e identificare i biomarcatori