Una nuova piattaforma di immunodosaggio automatizzata per valutare l’associazione dei livelli di adiponectina e leptina con il rischio di cancro al seno

A Novel Automated Immunoassay Platform to Evaluate the Association of Adiponectin and Leptin Levels with Breast Cancer Risk
L’adiponectina e la  leptina  sono adipochine secrete dal tessuto adiposo che potrebbero essere correlate a una serie di malattie energetiche come la maggior parte dei tumori. Abbiamo mirato a controllare la piattaforma di test immunologico ELLA con un’attrezzatura per il test immunoenzimatico ( ELISA ) e valutare se i risultati delle analisi di affiliazione con il rischio di cancro al seno dipendessero o meno dal test utilizzato.
Abbiamo misurato adiponectina e  leptina  con ELLA ed  ELISA  su campioni di siero al basale di 116 donne italiane in postmenopausa arruolate in due studi mondiali sulla prevenzione della maggior parte dei tumori al seno. I risultati erano stati in contrasto con la regressione di Deming, Passing-Bablok e le trame di Bland-Altman. La sopravvivenza libera da malattia è stata analizzata con il manichino Cox. C’era correlazione tra le strategie per adiponectina e  leptina  (r > 0,96). Abbiamo scoperto un rischio elevato per la maggior parte dei tumori al seno per intervalli di adiponectina molto bassi (HR per ELLA = 3,75; 95% CI: 1,37; 10,25,  p  = 0,01), mentre non è stata scoperta alcuna affiliazione vitale per i   range di leptina .
Le curve di sopravvivenza libera da malattia erano state virtualmente simili per i valori ottenuti con le 2 strategie, per ciascun biomarcatore. La piattaforma ELLA ha confermato la concordanza con  ELISA  per le  misurazioni di adiponectina e  leptina . I nostri risultati aiutano l’affiliazione di intervalli di adiponectina molto bassi con il rischio di cancro al seno in postmenopausa, indipendentemente dalla tattica utilizzata. La piattaforma ELLA è un sistema che fa risparmiare tempo con un’eccessiva riproducibilità, per questo motivo ne sosteniamo l’uso per la valutazione dei biomarcatori.

L’adiponectina si associa al pericolo di artrite reumatoide nei problemi di grasso e peso indipendentemente dalle diverse adipochine

Non molto tempo fa abbiamo riportato che l’elevata adiponectina sierica era correlata al pericolo di artrite reumatoide (RA) in soggetti con problemi di peso. Con la presente ci proponiamo di scoprire se diverse adipochine si associano al pericolo di RA e se l’affiliazione tra adiponectina e RA è imparziale di diverse adipochine. Sono state condotte due ricerche sulla gestione dei casi nidificati in due coorti completamente diverse: 82 contributori della ricerca Swedish Overweight Topics (SOS) che hanno sviluppato RA durante il follow-up abbinati a 410 controlli e 88 coppie abbinate dalla Biobanca medica della Svezia settentrionale . Gli intervalli di riferimento delle adipochine circolanti sono stati misurati utilizzando  ELISA .
In una valutazione multivariata all’interno della coorte SOS, l’aumento di adiponectina era correlato a un rischio elevato di AR indipendentemente dalle diverse adipochine (OR per il pericolo di AR: 1,06, IC 95%: 1,01-1,12,  p  = 0,02). Non è stata rilevata alcuna affiliazione tra gli  intervalli di leptina , resistina e visfatina e la possibilità di RA. All’interno della coorte della Medical Biobank of Northern Sweden, l’aumento dell’adiponectina era correlato a un elevato rischio di AR solo nei contributori con problemi di obesità/peso (OR: 1,17, 95% CI: 1,01-1,36,  p  = 0,03), indipendentemente dal diverso adipochine.
I nostri risultati mostrano che nelle persone con problemi di obesità / peso, l’aumento dei livelli circolanti di adiponectina, ma non la  leptina , la resistina o la visfatina, era stato correlato a un elevato rischio di artrite reumatoide.
Una nuova piattaforma di immunodosaggio automatizzata per valutare l'associazione dei livelli di adiponectina e leptina con il rischio di cancro al seno

Un  leptina  panino  ELISA  attrezzature inutilizzabili per gli animali domestici

Viene segnalata un’occasione di errore nella metodologia del dosaggio ormonale. Su questa rivista Chronobiology Worldwide, sono apparsi due articoli in cui una   metodologia ELISA per siero o plasma umano è stata utilizzata rispettivamente per siero di sangue di cavallo e di pecora. Dai nostri test, è risultato che tale metodologia non funziona in alcun modo per equini, pecore e diverse specie animali.
L’utilizzo di kit di test ormonali industriali per specie eterologhe in ogni momento richiede un processo di convalida cauto. In primo luogo, la molecola ormonale identica di specie completamente diverse non poteva condividere un’omologia sufficiente per essere riconosciuta e reagire con gli anticorpi utilizzati all’interno della metodologia. Inoltre, anche con una sovrapposizione completa delle molecole, dovrebbero essere considerate possibili interferenze da diversi elementi del pattern (impatto matrice).

Variazioni del rapporto nella relazione tra composizione fisica e biomarcatori del metabolismo osseo e dei grassi in ragazze e ragazzi in sovrappeso

Se una massa corporea derivata da estremi di peso corporeo sia utile o meno per l’osso rimane controverso. Quando l’accumulo di grasso raggiunge livelli estremi e induce modificazioni degli elementi ormonali e delle adipochine, può avere un effetto sull’accumulo osseo durante lo sviluppo. Questa ricerca ha valutato le relazioni tra la composizione fisica e i biomarcatori chiave in relazione al metabolismo osseo e dei grassi in ragazze e ragazzi thailandesi in sovrappeso.
Gli argomenti di età compresa tra 12 e 14 anni sono stati raggruppati per indice di massa corporea (BMI) e quota di grassi fisici (% di grassi). La composizione fisica e il punteggio Z dell’osso del tallone  e il ritmo del suono (SOS) sono stati valutati rispettivamente mediante valutazione dell’impedenza bioelettrica e densitometria del calcagno. L’osteocalcina sierica (OC), l’adiponectina, la  leptina , l’insulina e la 25 idrossivitamina D (25(OH)D) sono state misurate mediante  ELISA . Le loro correlazioni erano state analizzate e in contrasto tra i sessi.
I risultati hanno confermato che le squadre in sovrappeso non hanno avuto variazioni nell’indice di massa corporea e nella composizione corporea, inoltre i ragazzi avevano una massa muscolare maggiore rispetto alle donne. I ragazzi avevano livelli sierici ridotti di OC e  leptina  rispetto alle donne. Correlazioni ottimistiche di  leptina  con % di grassi e FM erano presenti in entrambi i sessi, mentre associazioni costruttive di % di grassi con CO e insulina erano state scoperte solo nei ragazzi. Bone  Z- score e SOS correlavano positivamente con OC nei ragazzi, tuttavia correlavano negativamente con 25(OH)D nelle donne.
Quando si classificava il gruppo in sovrappeso utilizzando % di grassi ≥25, le correlazioni costruttive tra % di grassi e insulina e le associazioni sfavorevoli tra % di grassi e adiponectina nelle donne erano state più pronunciate. Questi risultati suggeriscono che le associazioni di grassi fisici e parametri ossei con OC, adiponectina, 25 (OH) D e insulina erano specifiche del sesso, con una maggiore leggibilità quando % di grassi è stato utilizzato come alternativa all’IMC per classificare i problemi di peso.

L’elettroagopuntura facilita la polarizzazione dei macrofagi M2 e la sua potenziale funzione all’interno della regolazione della risposta infiammatoria

Il meccanismo alla base dell’elettroagopuntura (EA) nell’alleviare i problemi di peso, l’antinfiammatorio e l’interazione con le vie metaboliche nei topi sovrappeso non è stato elaborato. Lo scopo di questa ricerca era di ricercare la regolazione dell’EA sulla polarizzazione dei macrofagi nei tessuti con problemi di peso di topi con problemi di peso indotti dalla dieta. I topi erano stati divisi in 6 squadre: gruppo di gestione regolare, gruppo manichino, gruppo EA-7, gruppo EA-14, gruppo EA-21 e gruppo EA-28.
L’EA a bassa frequenza è stata utilizzata a “Tianshu (ST 25)”, “Guanyuan (CV 4)”, “Zusanli (ST 36)” e “Sanyinjiao (SP 6)” per 10 min. Il tessuto adiposo è stato valutato con colorazione con ematossilina ed eosina. L’espressione delle adipocitochine e degli elementi proinfiammatori è stata misurata mediante  ELISA . Le gamme di proteine ​​e mRNA dei marcatori dei macrofagi sono state esaminate rispettivamente mediante colorazione immunoistochimica e RT-PCR.
La terapia con EA era correlata a una diminuzione del tessuto adiposo e di enormi adipociti e ad un aumento di piccoli adipociti. Dopo la terapia con EA, i gradi di leptina, chemerina, TNF-α, F4/80, iNOS e CD11c sono diminuiti chiaramente nel tessuto adiposo, mentre gli intervalli di IL-4, IL-10 e CD206 sono aumentati considerevolmente. Inoltre, il TNF-α nel tessuto della milza era ulteriormente downregolato, tuttavia IL-Four e IL-10 erano stati sovraregolati. L’EA impedisce l’acquisizione di peso attraverso la modulazione della risposta infiammatoria e la polarizzazione dei macrofagi nei tessuti adiposi in sovrappeso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Related Post

Platform with biomimetic electrochemical sensors for adiponectin and leptin detection in human serum.

Piattaforma con sensori elettrochimici biomimetici per la rilevazione di adiponectina e leptina nel siero umano.Piattaforma con sensori elettrochimici biomimetici per la rilevazione di adiponectina e leptina nel siero umano.

Sono  stati fabbricati due nuovi sensori biomimetici per il rilevamento di adiponectina (A) e  leptina (L) tramite polimeri a stampa molecolare (MIP) su elettrodi per la lavorazione dell’oro (GWE). Basati principalmente sui risultati della spettroscopia