A Polyclonal Antibody Raised against the Burkholderia cenocepacia OmpA-like Protein BCAL2645 Impairs the Bacterium Adhesion and Invasion of Human Epithelial Cells In Vitro

Le infezioni respiratorie da batteri del complesso Burkholderia cepacia (Bcc) rimangono una minaccia per la vita dei pazienti con fibrosi cistica (FC), a causa del declino più rapido della funzione polmonare e dell’assenza di strategie di eradicazione efficaci. Le immunoterapie sono considerate un’alternativa interessante per controllare e ridurre i danni causati da queste infezioni. In questo lavoro, riportiamo il clonaggio e la caratterizzazione funzionale della proteina BCAL2645 simile a OmpA, precedentemente identificata e trovata immunoreattiva contro i sieri di pazienti CF con un record di infezioni Bcc.

È stato dimostrato che la proteina BCAL2645 svolge un ruolo nella formazione del biofilm, nell’adesione alle mucine e nell’invasione delle cellule epiteliali polmonari umane. L’espressione della proteina BCAL2645 è risultata aumentata nel terreno di coltura, imitando i polmoni dei pazienti CF e le condizioni microaerofile caratteristiche del polmone CF. Inoltre, è stato scoperto che un anticorpo policlonale contro BCAL2645 inibisce, di circa il 75 e l’85%, la capacità di B. cenocepacia K56-2 per legare e invadere in vitro CFBE41o- cellule epiteliali bronchiali umane. Questi risultati evidenziano il potenziale degli anticorpi anti-BCAL2645 per lo sviluppo di terapie di immunizzazione passiva per proteggere i pazienti CF dalle infezioni da Bcc.

 

L’editing genetico rapido, efficiente e neutro per l’attivazione delle cellule T policlonali primarie umane a riposo consente analisi funzionali complesse

 

Le cellule T CD4 sono mediatori centrali delle risposte immunitarie adattative e innate e costituiscono un importante serbatoio per il virus dell’immunodeficienza umana (HIV) in vivo. Indagini dettagliate sulle cellule T CD4 umane a riposo sono state precluse dall’assenza di approcci efficienti per la manipolazione genetica che limitano la nostra comprensione della replicazione dell’HIV e limitano gli sforzi per trovare una cura.
Qui riportiamo un metodo per l’editing genico rapido, efficiente e neutro di attivazione di cellule T CD4 umane policlonali a riposo utilizzando la coltivazione cellulare ottimizzata e le condizioni di nucleofezione dei complessi ribonucleoproteici RNA Cas9-guida. Fino a sei geni, tra cui la dipendenza dall’HIV ei fattori di restrizione, sono stati eliminati individualmente o simultaneamente e caratterizzati funzionalmente.
Inoltre, dimostriamo il knock-in di modelli di donatori di DNA a doppio filamento in diversi loci endogeni, consentendo lo studio dell’interazione fisiologica di componenti cellulari e virali a risoluzione di singola cellula. Insieme, questa tecnica consente una migliore caratterizzazione molecolare e funzionale della biologia dell’HIV e delle funzioni immunitarie generali nelle cellule T CD4 a riposo.

Uno studio successivo sulla presenza di Tomato Spotted Wilt Virus (TSWV) nel crisantemo reciso di DAS-ELISA utilizzando la proteina nucleocapside ricombinante per produrre l’antisiero policlonale

 

Le infezioni respiratorie da batteri del complesso Burkholderia cepacia (Bcc) rimangono una minaccia per la vita dei pazienti con fibrosi cistica (FC), a causa del declino più rapido della funzione polmonare e dell’assenza di strategie di eradicazione efficaci. Le immunoterapie sono considerate un’alternativa interessante per controllare e ridurre i danni causati da queste infezioni. In questo lavoro, riportiamo il clonaggio e la caratterizzazione funzionale della proteina BCAL2645 simile a OmpA, precedentemente identificata e trovata immunoreattiva contro i sieri di pazienti CF con un record di infezioni Bcc.
È stato dimostrato che la proteina BCAL2645 svolge un ruolo nella formazione del biofilm, nell’adesione alle mucine e nell’invasione delle cellule epiteliali polmonari umane. L’espressione della proteina BCAL2645 è risultata aumentata nel terreno di coltura, imitando i polmoni dei pazienti CF e le condizioni microaerofile caratteristiche del polmone CF. Inoltre, è stato scoperto che un anticorpo policlonale contro BCAL2645 inibisce, di circa il 75 e l’85%, la capacità di B. cenocepacia K56-2 per legare e invadere in vitro CFBE41o- cellule epiteliali bronchiali umane. Questi risultati evidenziano il potenziale degli anticorpi anti-BCAL2645 per lo sviluppo di terapie di immunizzazione passiva per proteggere i pazienti CF dalle infezioni da Bcc.

Produzione di cellule T regolatorie policlonali sotto cGMP: un decennio di esperienza

 

Riportiamo i risultati di produzione per 41 prodotti di cellule T regolatorie policlonali autologhe (PolyTreg) per 7 diversi studi clinici di fase 1 per un periodo di 10 anni (2011-2020). I dati sulle caratteristiche del paziente, i parametri di produzione e gli esiti di produzione sono stati raccolti dai registri dei lotti di produzione e inseriti in un database sicuro. Complessivamente, l’88% (36/41) dei prodotti PolyTreg ha soddisfatto i criteri di rilascio e l’83% (34/41) dei prodotti è stato infuso con successo nei pazienti.
Dei 7 non infusi, 5 criteri di rilascio falliti e 2 non sono stati infusi perché il paziente è diventato non idoneo a causa di un cambiamento dello stato clinico. L’espansione mediana di volte durante il processo di produzione di 14 giorni è stata di 434,8 volte (intervallo 29,8-2,232), risultando in una conta cellulare mediana post-espansione di 1.841 x 10 (intervallo 56,9-16,179 x 10 ).
Il principale correlato del numero di cellule post-espansione era il numero di cellule iniziali, che si correla positivamente con il conteggio assoluto delle cellule Treg circolanti. Altri parametri, tra cui la data di produzione di PolyTreg, il sesso del paziente e l’età del paziente non erano significativamente correlati con l’espansione delle pieghe di Treg durante la produzione del prodotto. In conclusione, i risultati della produzione PolyTreg sono coerenti tra prove e date di produzione.

 

XAV-19, un anticorpo policlonale glico-umanizzato suino contro il dominio legante il recettore Spike SARS-CoV-2, mira a più epitopi e neutralizza ampiamente le varianti

 

Le sostituzioni e le delezioni di aminoacidi nella proteina Spike delle varianti di coronavirus 2 (SARS-CoV-2) della sindrome respiratoria acuta grave possono ridurre l’efficacia degli anticorpi monoclonali (mAbs). Al contrario, gli anticorpi policlonali eterologhi generati contro la proteina S, attraverso il riconoscimento di epitopi bersaglio multipli, hanno il potenziale per mantenere le capacità di neutralizzazione.

XAV-19 è un anticorpo neutralizzante policlonale suina glico-umanizzato generato contro il dominio di legame del recettore (RBD) della proteina Wuhan-Hu-1 Spike di SARS-CoV-2. Gli epitopi bersaglio di XAV-19 sono stati trovati distribuiti in tutto il RBD e in particolare coprono i motivi di legame del recettore (RBM), nei siti di contatto diretto con l’enzima di conversione dell’angiotensina-2 (ACE-2). Pertanto, nei saggi di interazione Spike / ACE-2, XAV-19 ha mostrato potenti capacità di neutralizzazione dell’originale Wuhan Spike e delle varianti del Regno Unito (Alpha / B.1.1.7) e del Sud Africa (Beta / B.1.351).

 

Questi risultati sono stati confermati da saggi citopatogeni utilizzando Vero E6 e varianti di virus vivi, comprese le varianti brasiliane (Gamma / P.1) e indiane (Delta / B.1.617.2). In uno studio selettivo sulla pressione sulle cellule Vero E6 condotto nell’arco di 1 mese, nessuna mutazione è stata associata all’aggiunta di dosi crescenti di XAV-19.

Il potenziale per ridurre la carica virale nei polmoni è stato confermato in un modello murino umano trasdotto con ACE-2. XAV-19 è attualmente valutato in pazienti ricoverati per polmonite moderata indotta da COVID-19 nella fase 2a-2b dove la sicurezza era già stata dimostrata e in uno studio 2/3 in corso per valutare l’efficacia e la sicurezza di XAV-19 nei pazienti con moderata-grave COVID-19. A causa della sua natura policlonale e della sua glico-umanizzazione, XAV-19 può fornire un nuovo strumento terapeutico sicuro ed efficace per mitigare la gravità della malattia da coronavirus 2019 (COVID-19), comprese le diverse varianti di preoccupazione identificate finora.

 

 

Polyclonal MeCP2 polyclonal antibody

AMM06351G Leading Biology 0.05mg 484 EUR

Polyclonal AKR1B10 Polyclonal Antibody

APG01659G Leading Biology 0.1mg 484 EUR

Polyclonal RARA polyclonal antibody

APR00370G Leading Biology 0.05ml 484 EUR

Polyclonal ETO polyclonal antibody

APR00372G Leading Biology 0.05ml 484 EUR

Polyclonal EzH2 polyclonal antibody

APR00373G Leading Biology 0.05mg 484 EUR

Polyclonal BRD2 polyclonal antibody

APR00374G Leading Biology 0.05ml 484 EUR

Polyclonal JMJD2c polyclonal antibody

APR00375G Leading Biology 0.05ml 484 EUR

Polyclonal BMI1 polyclonal antibody

APR00376G Leading Biology 0.05ml 484 EUR

Polyclonal SHH Polyclonal Antibody

APR00434G Leading Biology 0.1mg 484 EUR

Polyclonal ETO polyclonal antibody

APR00435G Leading Biology 0.1ml 528 EUR

Polyclonal EZH2 polyclonal antibody

APR00436G Leading Biology 0.1ml 528 EUR

Polyclonal RARA polyclonal antibody

APR00437G Leading Biology 0.1ml 528 EUR

Polyclonal MYH11 polyclonal antibody

APR00438G Leading Biology 0.1ml 528 EUR

Polyclonal EZH2 polyclonal antibody

APR00439G Leading Biology 0.05mg 528 EUR

Polyclonal p53K372me1 polyclonal antibody

APR00440G Leading Biology 0.05mg 528 EUR

Polyclonal CIITA polyclonal antibody

APR00442G Leading Biology 0.05mg 528 EUR

Polyclonal p53 polyclonal antibody

APR00443G Leading Biology 0.05mg 528 EUR

Polyclonal CHD4 polyclonal antibody

APR00444G Leading Biology 0.1ml 484 EUR

Polyclonal HDAC1 polyclonal antibody

APR00445G Leading Biology 0.1ml 484 EUR

Polyclonal Spt16 polyclonal antibody

APR00446G Leading Biology 0.1ml 484 EUR

Polyclonal BRD2 polyclonal antibody

APR00447G Leading Biology 0.1ml 484 EUR

Polyclonal G9a polyclonal antibody

APR00448G Leading Biology 0.1ml 484 EUR

Polyclonal Hira polyclonal antibody

APR00449G Leading Biology 0.1ml 484 EUR

Polyclonal JMJD2c polyclonal antibody

APR00450G Leading Biology 0.1ml 484 EUR

Polyclonal SPI1 polyclonal antibody

APR00451G Leading Biology 0.1ml 484 EUR

Polyclonal BCL7C polyclonal antibody

APR00452G Leading Biology 0.1ml 484 EUR

Polyclonal LRWD1 polyclonal antibody

APR00455G Leading Biology 0.1ml 484 EUR

Polyclonal LYDG10 polyclonal antibody

APR00456G Leading Biology 0.1ml 484 EUR

Polyclonal BMI1 polyclonal antibody

APR00457G Leading Biology 0.1ml 484 EUR

Polyclonal KDM4D polyclonal antibody

APR00458G Leading Biology 0.1ml 484 EUR

Polyclonal CHD4 polyclonal antibody

APR00459G Leading Biology 0.05mg 484 EUR

Polyclonal Spt16 polyclonal antibody

APR00460G Leading Biology 0.05mg 484 EUR

Polyclonal TGF-beta3 Polyclonal Antibody

APG00008G Leading Biology 0.1mg 484 EUR

Polyclonal sRANK Ligand Polyclonal Antibody

APR00294G Leading Biology 0.1mg 484 EUR

Polyclonal FGF-1 Polyclonal Antibody

APR00423G Leading Biology 0.1mg 484 EUR

Polyclonal RFX-AP polyclonal antibody

APR00441G Leading Biology 0.05mg 528 EUR

Polyclonal EIF2C1/2 polyclonal antibody

APR00453G Leading Biology 0.1ml 484 EUR

Polyclonal Smc3K112/113ac polyclonal antibody

APR00454G Leading Biology 0.1ml 484 EUR

Polyclonal Runx1/AML1-ETO polyclonal antibody

APR00371G Leading Biology 0.05ml 484 EUR

Polyclonal-Polyclonal Conjugate Diluent & Stabilizer-CD3

KF17343 Neuromics 500 ml 532 EUR

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Related Post

Higher Physical Activity Level Improves Leptin Concentrations in Spinal Cord Injury Subjects

Un livello di attività fisica più elevato migliora le concentrazioni di leptina nei soggetti con lesioni del midollo spinaleUn livello di attività fisica più elevato migliora le concentrazioni di leptina nei soggetti con lesioni del midollo spinale

L’attuale studio è stato progettato per verificare la composizione corporea e gli indicatori di grado infiammatorio continuo, come le concentrazioni di  leptina , adiponectina e resistina in soggetti SCI irregolarmente vivaci e vivaci. Trentadue soggetti